La Commissione Europea fa il punto della situazione digital health in Europa

La Commissione Europea ha redatto un report sul grado di informatizzazione dei medici e la digitalizzazione sanitaria in 31 Paesi del continente.

La Commissione Europea fa il punto della situazione digital health in Europa

Il report ha coinvolto 9.000 dottori che sono stati intervistati tenendo conto di 4 fattori:

  • l’uso della cartella clinica elettronica;
  • il livello di scambio e condivisione di dati e informazioni tra professionisti sanitari e tra strutture ospedaliere;
  • l’uso della telemedicina;
  • il grado di digitalizzazione delle cartelle cliniche del paziente.

Secondo il report della Commissione Europea, i dottori danesi, quelli norvegesi e gli spagnoli sono i più digitali di tutta Europa, gli italiani sono al nono posto, fanalino di coda i cechi, i lettoni e i lituani.
Complessivamente solamente il 30% dei rispondenti utilizza cartelle cliniche elettroniche. In questo senso, i migliori medici sono gli olandesi, i danesi e gli inglesi, gli italiani sono quinti, chiudono la fila lituani e greci.
Rispetto alla condivisione dei dati e delle informazioni mediche, come ad esempio l’invio per email di risultati clinici o la trasmissione elettronica del certificato di malattia, solo l’8% degli intervistati dichiara di farne uso.
Per quanto riguarda la telemedicina, meno del 10% dei medici in Europa, rispondenti al sondaggio, ne fa uso. I migliori in tal senso? Ungheresi e Finlandesi, i nostri medici italiani di nuovo al 9° posto.

Vi rimandiamo al report per il resto dei dati:

scarica il pdf: Finalreport-BenchmarkingDeploymentofeHealthamongGeneralPractitioners

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *