Per il Ministro Lorenzin si parla di “10 miliardi di risparmio con l’ict in sanità”

E’ iniziata oggi la VII edizione del Festival della Salute, 4 giorni di incontri, approfondimenti e convegni a Viareggio.
Questa mattina, alle ore 10.00 si è parlato di innovazione in sanità con il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin che ha presenziato con una video intervista con l’On. Francesco Gelli.

ict in sanità

Il Ministro Lorenzin parla del Patto per la salute, individuando in esso uno strumento per rendere sostenibile il Sistema Sanitario Italiano contenendone le spese e migliorandone la qualità dei servizi offerti. La Lorenzin spiega che “L’ Italia spende il 7% del proprio Pil per la spesa sanitaria, riuscendo a mantenere un costo molto basso grazie ai tagli lineari, sancendo il concetto della spending review interna. A fronte di una certezza di budget che permette di fare una riprogrammazione di spesa sanitaria per le regioni nei prossimi anni, dando delle regole stringenti, in cinque anni recuperiamo 10 miliardi che reinvestiamo nel sistema salute: innovazione e ricerca, infrastrutture e tecnologia e personale. Le Regioni in questo hanno giocato un ruolo fondamentale accettando di rinegoziare anche alcune competenze e alcune funzioni senza aspettare le riforme ma cercando di farlo prima”.

“L’innovazione tecnologica – ha aggiunto il Ministro – è lo strumento con cui possiamo raggiungere il nostro fine, efficienza, misurabilità della quantità dei soldi spesi, come sono spesi e la qualità della prestazione che viene data e la efficacia della prestazione. […] Abbiamo approvato anche il Patto per la salute digitale: grazie all’anagrafe nazionale degli assistiti, abbiamo un unico binario in cui correranno e corrono i dati di tutti e 60 milioni di cittadini italiani, i dati anagrafici e i dati sanitari – fascicolo elettronico, cartella elettronica, le farmacie di servizio messe in rete, ma anche i dati che noi vogliamo vengano caricati. Con i nuovi software possiamo sapere in tempo reale prestazioni e costi di ogni ospedale e struttura sanitaria”.

Il Ministro della Salute, continua propositiva “In questo quadro bisogna ripensare a un nuovo rapporto tra pubblico e privato perché abbiamo bisogno di questa sinergia dove lo Stato non perde la propria leadership, che poi è al servizio del paziente in un sistema universalistico, e far entrare dentro anche nuove energie non è un peccato, non è un tabù, è la scommessa per rendere il nostro futuro attuale”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *