La rivoluzione digital health

E’ uscito da poco il rapporto sulla digitalizzazione della sanità “The Digital Health Revolution” di Hotwire, secondo cui la Digital Health sta registrando una crescita significativa in tutto il mondo. Gli USA hanno aumentato gli investimenti in salute digitale del 39% l’anno scorso. In Italia, invece, come visto dallo studio degli Osservatori School of Management del Politecnico di Milano, abbiamo registrato una contrazione di spesa del 5%.

la rivoluzione digital health

Nel rapporto “The Digital Health Revolution” sono state anche evidenziate le tendenze in crescita tra cui spicca la tecnologia wearable. Ossia tutti quei sensori che indossiamo come braccialetti, patch, magliette e altro che analizzano e archiviano informazioni sulla nostra salute e sul benessere fisico per poi salvarli sugli smartphone e permettere all’utente di avere questi dati sempre a disposizione. Ne abbiamo parlato anche noi, qui per esempio.
Che il trend della tecnologia indossabile sia in sensibile crescita, si evince anche dalle previsioni fatte per il prossimi anni, secondo cui entro il 2018 il fatturato globale di tale settore si attesterà intorno ai 50 miliardi di dollari.

L’altro trend evidenziato dal rapporto è la visita da remoto, dove dispositivi di raccolta dati installati sul paziente comunicano costantemente al medico alcuni valori fisiologici, aiutandolo a monitorare lo stato di salute nel tempo del paziente.
Il paziente si mantiene controllato, evitando però di andare fisicamente e continuamente dal dottore per la visita! Un controllo così costante sarebbe comunque impossibile in assenza di certi dispositivi in remoto.
La tecnologia ha consentito queste innovazioni, forse il prossimo step sarà installare chip sottocutanei, per chi sarà pèronto psicologicamente per questo passo.

Infine si parla di mhealth, ultimo significativo fenomeno della digitalizzazione della salute e della sanità. Stiamo per raggiungere le 100.000 app medicali disponibili negli app store.
Il 20% dei possessori di smartphone ha almeno un’applicazione medica e le stime danno in netta crescita anche questo dato.

Questi sono i trend e le stime per la digitalizzazione sanitaria a livello globale, seguiamo quello che accade in Europa e oltre oceano per rimanere aggiornati.
Una Spending Review efficace dovrebbe prevedere tagli alle inefficienze e agli sprechi di risorse, non certo agli investimenti che aiutano a migliorare la qualità e la diffusione delle cure e della prevenzione, a cui la digitalizzazione di processi e prodotti potrebbe ampiamente contribuire.
Anche il sistema sanitario pubblico e privato italiano deve orintarsi in tale direzione.
Confidiamo nella lungimiranza di chi lo gestisce a livello politico e organizzativo.
Ne va del futuro del sistema in termini di sopravvivenza ai tagli di risorse economiche e della salute degli italiani.
La posta in gioco è quiindi alta, non perdiamo questa sfida!

One thought on “La rivoluzione digital health

  1. Pingback: La rivoluzione digital health | Blog Appocrate ...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *